Websonica
Tel: + 39 0498936743
Email: [email protected]

Caption Writing: mini guida per rendere virali i tuoi post sui social

Parliamo di caption writing. Qualcun altro apre le sue app di social media e sente questo bisogno di postare, ma quando inizi a scrivere… niente?

*balle di fieno che rotolano*

Conosco la sensazione e, a volte, mi sono chiesto se il problema è più sul come e meno sul cosa stiamo postando.

Probabilmente conosci gli argomenti generali che ti piacciono poiché li condividi comunemente sui social, giusto? Nel mio mondo Social è fondamentale avere 5 argomenti generali di cui pubblichi sui social media che comprendono la tua attività, il marchio e la vita in generale. Avere 5 tematiche aggiunge dimensione, quindi non stai solo pubblicando sul lavoro dei clienti o solo condividendo i tuoi prodotti da vendere.

Tuttavia, anche se sai cosa sono i tuoi argomenti, può comunque essere difficile sapere cosa dire effettivamente. Cosa digitare in quel vecchio cursore lampeggiante.

Se sei come me, a volte avere una sorta di struttura o modello su cui fare affidamento rende le parole più facili. E ragazzi, penso di aver decifrato il codice quando si tratta di scrivere caption accattivanti per i post di Instagram, Facebook e LinkedIn. Sono pronto a farti conoscere l’anatomia di una perfetta didascalia per social media per ciascuna di queste piattaforme, quindi non dovrai sentirti perplesso ogni volta che apri di nuovo quelle app.

La perfetta didascalia di Instagram

Instagram è in continua evoluzione, ma ciò che resta è che è nata come un’app per la condivisione di foto in cui possiamo raccontare storie, condividere esperienze e fornire informazioni nelle didascalie. Adoro questa piccola app per avermi messo in contatto con così tante incredibili persone e, un modo per farlo, è con una didascalia efficace. Ecco le mie regole per scrivere la perfetta caption su Instagram.

PARAGRAFI BREVI

Sono un fan delle didascalie più lunghe perché attirano di più le persone e danno loro la possibilità di capirmi meglio. Ma, questo non significa semplicemente scrivere un gigantesco blocco di testo e premere su “pubblica”. Suddividi la caption in sezioni di testo facili da digerire (parliamo da 1 a 2 frasi per paragrafo) in modo che i lettori possano comunque scorrere facilmente ciò che pubblichi.

METTI PIU’ PENSIERO NELLA PRIMA FASE

Il modo in cui funziona Instagram è che mostra agli scroller solo le prime due righe del tuo post…Da lì, sta al lettore scegliere di fare clic su “altro” per leggere il resto della didascalia (e poi interagire con te). C’è molta pressione in quella prima frase, ma non lasciarti scoraggiare. Tratta la frase n.1 come il titolo di un post sul blog o la riga dell’oggetto di una newsletter… Come puoi agganciare i lettori sin dall’inizio? Mi piace iniziare una caption con una domanda coinvolgente, un pensiero onesto o anche un invito all’azione (come “Commenta questa foto!”).

NON AVERE PAURA DELLA TASTIERA EMOJI

Penso che molte persone considerino gli emoji troppo giovani, ma onestamente devi usarli solo come un modo per rompere visivamente la tua didascalia e infondere un po’ di divertimento! Usali con parsimonia (da 2 a 3 in post più lunghi sono molti), ma non aver paura di loro. Aggiungono carattere, una pausa per gli occhi e sono accattivanti mentre le persone leggono il post.

SCRIVI COME SE STESSI PARLANDO CON UN AMICO

Anche se il tuo IG è una specie di storyboard della tua attività e della tua vita, non dovrebbe sembrare che sia tutto incentrato su di te. In che modo gli argomenti di cui stai scrivendo si riferiscono ai tuoi amici (ovvero, follower) nell’app? Come puoi includerli nella storia?

ACCENDILO

Proprio come non vuoi pubblicare solo su un argomento, non vuoi nemmeno condividere solo un tipo di caption. Poni domande e condividi consigli, risorse o intuizioni su un argomento.

INCLUDI SEMPRE UN INVITO ALL’ AZIONE

Potrebbe sembrare strano chiedere alle persone di fare qualcosa nella tua didascalia, ma l’utilizzo di CTA è uno dei modi più efficaci per aumentare il tuo coinvolgimento. E più lo fai, più le persone si abitueranno a rispondere o ad agire. Alcuni dei miei preferiti includono: “Tocca due volte/metti Mi piace a questo post se…”, “Lascia un emoji se sei d’accordo!”, “Commenta qui sotto il tuo preferito…” e “Clicca sul link in bio/le mie storie/il mio sito web/ecc. per tutti i dettagli!”

Il post perfetto su Facebook

Pubblichiamo sulla pagina Facebook della mia azienda e sulle pagine dei gruppi privati ​​del nostro programma più volte a settimana. Se stai costruendo un’attività online, i gruppi di Facebook possono essere un modo straordinario per ottenere feedback e creare consapevolezza. Ecco cosa facciamo per i sottotitoli dei post FB.

INIZIA TUTTI I POST CON QUALCOSA DI COINVOLGENTE

Su Facebook, si basa tutto su commenti e interazione con gli altri. Per questo motivo, mi piace iniziare tutti i miei post FB con un invito all’azione (ad esempio, “Lascia una GIF” o “Dimmi cosa è capitato a te…”) prima di arrivare al succo del post. Il gancio del post è chiedere alle persone di condividere la propria esperienza, cosa che credimi, la gente adorerà fare! È nella natura umana voler parlare di se stesso, quindi invita le persone a farlo in ogni post!

PUBBLICA UN POST DI RISORSE E SUGGERIMENTI

Condividiamo nuovi episodi di podcast e post di blog, nonché domande, spunti di conversazione e thread di supporto nei nostri post FB. La condivisione di un sano mix di risorse e suggerimenti offre alle persone l’opportunità di imparare dalla mia attività lontano da Facebook, nonché di interagire direttamente con me, il mio team e gli altri sulla piattaforma.

BREVE E DOLCE

A differenza di Instagram, meglio mantenere le didascalie di Facebook belle e brevi. Idealmente, lo spettatore trascorrerà più tempo facendo clic su una risorsa o rispondendo e interagendo nei commenti, quindi lascia i tuoi post da 1 a 4 frasi al massimo.

Il post LinkedIn perfetto

Negli ultimi due anni ho approfondito LinkedIn e posso affermare che non è solo un luogo in cui gli amministratori delegati si incontrano. In realtà, ho scoperto che è un tesoro segreto per le attività online e per costruire connessioni con persone che la pensano allo stesso modo. Pubblichiamo solo un paio di volte a settimana lì, ma è un ottimo modo per raggiungere un’altra parte del tuo pubblico.

MANTIENI IL TONO PIU’ PROFESSIONALE

Emoji e domande in giro volano su FB e IG, ma quando si tratta di LinkedIn, il tono è ancora piuttosto professionale. Elimina qualsiasi gergo o gergo casuale dalla copia della caption e mantienilo pulito e diretto.

I POST DI SOLO TESTO FUNZIONANO BENE

Non hai bisogno di un sacco di campane e fischietti su LinkedIn. In effetti, pubblicare senza media, immagini, video o collegamenti spesso supera quei post che sembrano più snelli. Come Facebook, fare domande coinvolgenti o spingere i tuoi follower a condividere le loro esperienze fa molto. È un bonus della piattaforma: quando qualcuno interagisce con il tuo post, commentandolo o consigliandolo, viene visualizzato sul loro feed, così più occhi possono raggiungerlo!

CONDIVIDI CONTENUTI DI LUNGA DURATA

Hai un post sul blog con un tono professionale che sarebbe perfetto per il pubblico di LinkedIn? Invece di incollare semplicemente il collegamento, copia e incolla metà del post del blog nello spazio di pubblicazione dei contenuti nativi di LinkedIn con un CTA per leggere il resto del post al link. Questo funziona molto meglio della semplice condivisione di collegamenti.

Vi sentite tutti ispirati sui sottotitoli, ragazzi?! Credo sinceramente che avere un’idea di come pubblicare in ogni social abbia salvato la mia vena da copy più e più volte. Una volta che pianifico il piano editoriale con gli argomenti scelti, e ho un piano sul come scriverli, le parole fluiscono più facilmente.

Spero che questi suggerimenti ti diano un piccolo impulso per bandire per sempre il blocco dello scrittore di post!

Per i nostri servizi di Social Media Marketing clicca qui.

 

 

 

 

 

 

 

Invia la tua richiesta

Compila il form e lasciaci un messaggio.

    © 2022, Websonica.